Carati Bruno

bruno-carati

 

Fin dalla nascita Bruno Carati ha sofferto di una paralisi spastica. Nonostante il suo handicap, riesce a terminare la scuola secondaria. All’età di 13 anni comicia a dipingere. Attraverso una formazione privata acquisisce un’approfondita conoscenza della pittura e della storia dell’arte. Presto viene riconosciuto dai più grandi quotidiani italiani ed esteri, che gli dedicano articoli. La stazione televisiva RAI si interessa al suo percorso e gli dedica un’intera puntata del programma "Today is Sunday, too" (Anche oggi è Domenica).
A partire dal 1956 l'Associazione degli Artisti che dipingono con la Bocca e con il Piede gli conferisce una borsa di studio e, nel 1961, Carati diviene membro della VDMFK. Da allora molti dei suoi lavori hanno fatto parte di mostre internazionali promosse dalla VDMFK. Il suo curriculum espositivo è ricco di successi. I suoi lavori sono stati esposti al pubblico, in tempi recenti, a Varese, Piacenza, Gallarate e Busto Arsizio. Bruno Carati è uno scultore, pittore e ceramista. Egli crea e dipinge superfici di vetro, disegni con svariate tecniche e tessuti. Parallelamente si occupa dell’ideazione e dello sviluppo di innovativi ausili per i disabili. Un esempio di questa sua creatività è rappresentato dalla realizzazione di una vettura che permette la guida senza l’uso delle mani grazie a speciali dispositivi comandati tramite la bocca.